Biglietterie Trenord a rischio chiusura, in campo scende la Regione.

Biglietterie Trenord a rischio chiusura

“Chiudere le biglietterie sarebbe una vera follia!” lo sottolinea il consigliere leghista Flavio Nogara.

“Sappiamo che l’assessore Terzi ha già scritto a Trenord per chiedere chiarimenti immediati. Il progetto che si configura è inaccettabile e recherebbe ulteriori disagi a cittadini e pendolari già gravati da disservizi insopportabili, tra soppressioni, guasti e ritardi. L’obiettivo deve essere quello di implementare e migliorare i servizi, mentre in questo caso la società agisce nella direzione opposta, cancellando un servizio storicamente garantito. La Regione non ha il controllo diretto sulla società. Noi possiamo però garantire che porteremo in ogni sede utile le richieste dei nostri cittadini”.

Le parole dell’assessore regionale

L’assessore Terzi infatti ieri ha spiegato: “Le biglietterie rappresentano un servizio fondamentale, un antidoto alla desertificazione delle stazioni. La presenza del bigliettaio agevola le operazioni di acquisto da parte degli utenti e costituisce un punto di riferimento per i cittadini che frequentano gli scali ferroviari medio-piccoli. Anche dal punto di vista della sicurezza, le biglietterie costituiscono un presidio importante e un deterrente per i malintenzionati, contribuendo a rendere più vive e sicure le stazioni. È paradossale che si pensi a un provvedimento di questo tipo mentre la cronaca racconta l’escalation di episodi di criminalità. E mentre la stessa Trenord, su sollecitazione della Regione, sta predisponendo alcune misure securitarie come l’incremento delle guardie giurate sui convogli”.

Già inviata una lettera a Trenord

L’assessore ha anche già scritto a Trenord per chiedere chiarimenti immediati. “Il progetto che si configura è inaccettabile e recherebbe ulteriori disagi a cittadini e pendolari già gravati da disservizi insopportabili, tra soppressioni, guasti e ritardi. L’obiettivo deve essere quello di implementare e migliorare i servizi ai cittadini, mentre in questo caso la società agisce nella direzione opposta, cancellando un servizio storicamente garantito. La Regione non ha il controllo diretto sulla società, partecipata in modo paritario dalle Ferrovie dello Stato e da Ferrovie Nord Milano. Garantisco però che porteremo in ogni sede utile le richieste dei nostri cittadini”.

Leggi anche:  Mani sudate addio con un intervento di soli 10 minuti

La posizione di Trenord

Da parte sua Trenord ha sittolineato di aver dato il via a un piano di rilancio e potenziamento della rete di vendita che prevede la trasformazione delle tradizionali biglietterie in punti dedicati all’accoglienza a 360°, per supportare i clienti nell’organizzazione del viaggio dal primo all’ultimo miglio e assicurare maggiore presidio e vicinanza alle loro aspettative.

Step graduali

Un traguardo fatto di step graduali che l’operatore ferroviario intende raggiungere entro la fine del 2019, quando entrerà in vigore in Lombardia il sistema unico di bigliettazione elettronica. La bigliettazione elettronica, permettendo l’interoperabilità di tutte le aziende del TPL, consentirà al viaggiatore di utilizzare la stessa tessera elettronica o “chip on paper” per tutti i mezzi di trasporto regionali e dunque moltiplicherà i punti di acquisto e rinnovo di titoli di viaggio. I vari step del piano saranno attuati previa condivisione con Regione Lombardia” scrive Trenord in un comunicato diffuso oggi.