Tombe longobarde alla frazione Belcreda di Gambolò. Emersa una necropoli durante gli scavi per la realizzazione del metanodotto.

Tombe longobarde: 1500 anni di storia

Durante gli scavi per la costruzione di una tratta del metanodotto Cervignano D’Adda – Mortara i tecnici della Snam si sono visti affiorare dal terreno alcuni preziosi monumenti presumibilmente longobardi. Pezzi rarissimi che se fosse confermata la loro autenticità avrebbero circa 1.50 anni di storia.

Il presidio delle forze dell’ordine

Il cantiere è stato bloccato e le forze dell’ordine, da giovedì scorso, stanno presidiando l’area per evitare furti da parte di ladri di reperti archeologici. Gli archeologi hanno già iniziato a catalogare e studiare i reperti finora ritrovati sul luogo.

Si aspettano le conferme

Per ora non sono ancora arrivate conferme ufficiali da parte della Soprintendenza ai Beni Culturali. In zona in passato erano stati trovati altri reperti risalenti soprattutto alla civiltà di Golasecca, che oggi si trovano nel museo archeologico di Gambolò. Nei prossimi giorni gli scavi ancora da effettuare, potrebbero portare alla scoperta di ulteriori reperti.