Destra e sinistra contrapposte durante la commemorazione delle Foibe, organizzata dal gruppo di destra Recordari.

Destra e sinistra si scontrano a Pavia

Il 10 febbraio è la Giornata del Ricordo e come ogni anno il gruppo di destra Recordari organizza la commemorazione delle Foibe. Gli antagonisti di Movimento Pavia sulla scia di quanto avvenuto nel weekend a Pavia, non accettando il presidio della destra e nonostante i divieti della Questura hanno effettuato una contro manifestazione. Nonostante i grandi spiegamenti di forze dell’ordine si sono vissuti momenti di forte tensione.

La polizia carica il corteo antirazzista

La tensione è scoppiata quando un gruppo di partecipanti alla manifestazione della sinistra hanno lasciato il loro punto di ritrovo per muoversi in corteo lungo le zone presidiate dalla polizia, che cercava di evitare in ogni modo il contatto tra le due manifestazioni. A quel punto la polizia ha caricato il corteo per disperdere i manifestanti.

In piazza anche i ragazzi picchiati

Tra i manifestanti di sinistra c’erano anche alcuni dei ragazzi nordafricani picchiati nella serata di venerdì in centro a Pavia. Con loro anche i genitori e alcuni amici italiani, tutti uniti per sostenere la lotta contro ogni forma di fascismo.