Rifiuti pericolosi rinvenuti in un’area di circa 15.000 metri quadrati oltre a due cani tenuti in condizioni igieniche precarie.

Rifiuti pericolosi: la segnalazione

A seguito di una segnalazione delle Guardie Ecologiche Volontarie della Lombardia, il personale della Compagnia Carabinieri di Pavia e del Dipartimento dell’ARPA di Pavia, hanno proceduto ad un controllo presso un’area di Bornasco, località Fornace.

Volume di rifiuti superiore a 20.000 metri cubi

Nel corso del controllo sull’area, dell’ampiezza di circa 15.000 metri quadrati, è stata rilevata la presenza di numerosi rifiuti, in particolare di natura pericolosa quali: carcasse di autovetture, contenitori con residui di solventi/acidi, lastre di eternit, componenti elettronici (particolarmente pericolosi per la presenza di alcune tipologie di minerali), residui di fresato stradale ed altro. Da una prima stima eseguita dagli ispettori dell’ARPA si ritiene che il volume dei rifiuti sia superiore ai 20.000 metri cubi.

Cani in condizioni igieniche precarie

Presso l’area, al cui al momento del controllo era presente un cittadino romeno 52enne, vi era anche la presenza di due cani in una struttura malsana per l’ingente quantità di rifiuti. I due animali sono stati affidati ad un canile per le cure del caso.

Leggi anche:  18enne rumeno evade dai domiciliari e si schianta ubriaco

Area sotto sequestro

L’intera discarica abusiva è stata posta sotto sequestro e la vicenda segnalata alla Procura della Repubblica di Pavia per gli approfondimenti del caso.