Pesante minacce di morte al candidato di Leu Marco Sommariva, in corsa alle regionali di Pavia.

Minacce di morte al candidato Marco Sommariva

Come accade sempre più di frequente gli haters su Facebook non si limitano a esternare il proprio dissenso ma si spingono a minacciare pesantemente. Sommariva nella sua pagina ufficiale, mediante un post, esortava il suo elettorato a combattere “il fascioleghismo in prima linea” chiedendo che venissero sciolte “organizzazioni incostituzionali” come Casapound e Forza nuova.

“Ti farei a pezzi”

‘Ti farei a pezzi come ha fatto quella bestia con la povera Pamela” questo il tenore dei post, ma anche “’10 100 1000 Traini. Sperando che il prossimo sia tu”. Il candidato di Liberi e Uguali, secondo quanto dichiarato dai dirigenti regionali di Leu, ha presentato un esposto in Procura per le minacce, firmate.

La par condicio dell’insulto

Ma non sono soltanto gli estremisti di destra che trascendono. Il consigliere di Forza Italia a Settimo Milanese, Ruggiero Delvecchio, ha trovato questa minaccia sul muro accanto al citofono della propria abitazione “Delvecchio nelle foibe” e “Muori” inciso sulla carrozzeria dell’auto. Il motivo di queste minacce vandaliche sarebbe legato alle commemorazioni che l’uomo organizza annualmente per ricordare la tragedia delle foibe. E’ utile ricordare sempre, per chi ancora non lo sapesse, che è possibile essere perseguiti legalmente e rispondere penalmente dei contenuti che si pubblicano sui social.