Re Marcello Florens Vigevano – Cosmel Gorla Volley 3-0: (25-18, 25-12, 25-21)

Re Marcello Florens: formazione standard

Brave le ragazze della Florens Re Marcello che, come da pronostico, fermano la Cosmel Gorla in un’ora di gioco, guadagnando l’intera posta in palio. Coach Colombo schiera la formazione standard, mentre ad onor di cronaca le varesine devono sopperire all’assenza della centrale titolare Miolo, con la giovane Bonesin Surbone.

Primo set

Avvio di gara in cui le ospiti cercano di spiazzare le ducali (1-3), che a loro volta rispondono con Facendola, molto pericolosa al servizio e Crotti pressoché imprendibile in fast (14-13). Le padrone di casa in questa fase allungano con due mini break (19-14 e 24-18) e chiudono con un ace di Facendola per il 25-18.

Secondo set

Secondo parziale che vede la Florens Re Marcello imporre il proprio gioco sin dai primi scambi con Milocco e Trevisan sugli scudi. Il vantaggio si fa via via più sostanzioso (+9) e senza alcuna sbavatura le ragazze di coach Colombo chiudono per 25-12, ancora grazie ad un ace di Garavaglia (a fine gara saranno 9 le battute punto a tabellino delle vigevanesi).

Leggi anche:  Il Giro d’Italia 2018 arriva in Lombardia

Terzo set

Terzo set che sulla carta potrebbe sembrare una formalità, ma le varesine non si tirano indietro e provano in diverse occasioni con Kovacova e Cortellazzo ad impensierire le biancorossoblu (4-4, 6- 6 e 10-9). Alcune buone giocate della capitana Trabucchi consentono alle vigevanesi di concretizzare nel corso di azioni lunghe e di guadagnare un buon margine (23-18) . Kovacoka annulla due match point prima in attacco, poi al servizio, ma Trevisan chiude set e gara per 25-21.

Le parole del coach

“Potrebbe sembrare scontato, ma sono soddisfatto della gara odierna – le parole di coach Colombo – I 3 punti, per quanto potessero sembrare richiesti dal pronostico, sono stati maturati giocando in modo lineare ed ordinato. La grande differenza è stata nella fase battuta ricezione, in cui siamo riusciti a mettere in difficoltà le avversarie, rendono il loro gioco meno pericoloso. Buona inoltre la gestione muro- difesa, ordinata e positiva.”