Don Enzo Boschetti verrà ricordato a 25 anni dalla sua scomparsa con incontri e celebrazioni.

Don Enzo Boschetti: uomo e maestro di speranza

Negli ultimi vent’anni la cultura e la società sono cambiate più che nei precedenti due secoli. In questo anniversario la gratitudine per il dono e la testimonianza di una persona eccezionale diventano occasione e stimolo per ciascuno a lasciarsi ispirare dal suo “genio” e dalla sua profezia.

Gli appuntamenti per “incontrare” Don Enzo

I modi per vivere e incontrare don Enzo e il suo messaggio saranno vari: oltre ad alcuni incontri sui temi importanti del carisma boschettiano ci sarà la celebrazione in Cattedrale a Pavia il 17 febbraio alle 17. Saranno pubblicati alcuni suoi testi tra i più significativi, inoltre è visitabile la mostra permanente ‘Dal buio alla luce’ in viale Libertà 23.

La casa del Giovane

La Casa del Giovane è una comunità di vita e di servizio nata nel 1971 ad opera di Don Enzo, sacerdote della Diocesi di Pavia, morto nel 1993 all’età di 63 anni.È presente principalmente nella provincia di Pavia e in Lombardia ed accoglie persone con varie forme di disagio: minori con problemi familiari, minori stranieri, giovani con problemi di dipendenza, madri sole con figli, persone con disagio psichico e senza fissa dimora.

Leggi anche:  Sesso con animali: Enpa non perdona il prete di Lodi

Beatificazione in corso

Il 15 febbraio 2006 l’allora vescovo di Pavia mons. Giovanni Giudici ha ufficialmente aperto la causa di beatificazione di don Enzo Boschetti. Conclusa la prima fase del processo il 15 febbraio 2008, don Enzo Boschetti è stato dichiarato”Servo di Dio”. Ora la causa sta proseguendo presso la Congregazione per le Cause dei Santi.