A Pavia grande fermento sportivo, 814 impianti e oltre 2mila spazi per attività nelle strutture: oltre 8mila gli studenti coinvolti.

A Pavia grande fermento sportivo

In occasione della visita nel territorio pavese, l’assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia Martina Cambiaghi ha incontrato ieri, mercoledì 20 marzo 2019, il presidente ASD Athletic Pavia Fabrizio Salvucci e il direttore sportivo Salvo De Simoni per fare il punto sul proseguimento dei lavori di ampliamento del centro. L’incontro è stato anche l’occasione per parlare più in generale della situazione degli impianti sportivi locali e delle prossime iniziative di Regione Lombardia in tema di sport.

 “La provincia di Pavia – ha spiegato l’assessore Martina Cambiaghi – ha nel suo Dna lo sport. Lo testimoniano le tante associazioni e società che quotidianamente operano sul territorio permettendo a tutte le età e a tutti i livelli di fare sport. Ho constatato la ricchezza della realtà pavese anche se sono convinta esistano ulteriori spazi di miglioramento”.

Athletic Pavia

L’assessore ha visitato l’associazione sportiva dilettantistica che nasce nel 2013 con l’obiettivo di individuare percorso educativo mirato sui singoli atleti, nel rispetto dei tempi e dei talenti di ciascuno con particolare attenzione ai ragazzi più fragili.

In quest’ottica è stata fondata, insieme alla cooperativa CLAP, una squadra di diversamente abili composta esclusivamente da portatori di sindrome di Down. Al momento la società è composta da 300 tesserati calciatori e 75 dirigenti divisi in 20 squadre. Attualmente è in costruzione un secondo campo a 11, omologabile fino alla categoria ‘Eccellenza’. L’ampliamento della struttura è motivato anche dalla volontà di realizzare un punto di riferimento per la città di Pavia e un centro di aggregazione per famiglie e ragazzi, soprattutto per quanto riguarda l’aiuto allo studio.

La Regione a sostegno dello sport

“Le opportunità che Regione Lombardia mette a disposizione dello sport e soprattutto degli impianti sono tante – ha chiosato l’assessore Cambiaghi – sono occasioni che il territorio ha colto in passato e che, spero, sappia utilizzare al meglio per garantire sempre a più persone lo sport di base”.

Gli impianti sportivi a Pavia

In provincia di Pavia sono presenti 814 impianti sportivi, per un totale di 2.212 spazi di attività. Più della metà degli spazi di attività (1532) risiedono all’interno di impianti sportivi pubblici, mentre solo un sesto è privato; il resto è di proprietà mista.

Leggi anche:  Nasce la “carta d’identità elettronica” degli alberi vogheresi

Il più ‘vecchio’ degli impianti risale al 1879 e si trova in un contesto scolastico, mentre i più recenti sono stati costruiti nel 2018. In particolare il 41% degli impianti pavesi è stato costruito tra il 1990 ed il 2018 ed il 26% ha meno di 20 anni di vita. La manutenzione risulta di buon livello. Il 60% degli spazi dedicati alle attività sportive è di tipo polivalente e, nel 55% dei casi, si tratta di impianti scoperti. Gli sport maggiormente praticati sono il calcio (596 campi), seguito dalla pallavolo (263 campi) e dal tennis (235 campi). 

Quasi 1,5 milioni da Regione per riqualificare gli impianti

Nel 2018 Regione Lombardia ha avviato un bando per la riqualificazione e valorizzazione dell’impiantistica sportiva di proprietà pubblica sul territorio lombardo attraverso l’assegnazione di contributi regionali a fondo perduto. Su 13
milioni di euro di risorse complessive in Lombardia, 1.484.265 euro sono stati assegnati alla Provincia di Pavia, ai comuni di Certosa Di Pavia, Siziano, Gropello Cairoli, Vigevano, Sommo, Rivanazzano e per l’Unione comuni Terre di Malaspina. 

“A scuola di sport”

Con il progetto ‘A scuola di Sport’ Regione Lombardia investe sui più giovani valorizzando l’attività motoria nelle scuole primarie per promuovere l’adozione di stili di vita attivi, concorrendo così alla prevenzione e alla tutela della salute.

Nel 2018 è stato deliberato uno stanziamento di 1.150.000 euro per l’intera Lombardia. Con una parte di queste risorse è stato possibile coinvolgere nel progetto, attualmente in corso, 15 istituti scolastici della provincia di Pavia, con 413 classi e 8.164 alunni coinvolti. Per ogni classe sono previste 20 ore annue (1 ora a settimana) con
un esperto selezionato dal Coni che effettua l’ora di educazione motoria in collaborazione con l’insegnante di classe.

LEGGI ANCHE: “Gli Ambulanti di Forte dei Marmi” a Voghera sabato 23 marzo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE