Continua ad essere alta l’attenzione sull’allarme ranitidina, in una prospettiva addirittura europea. Ieri l’Ema (l’Agenzia Europea del Farmaco) ha sganciato la “bomba”: ha chiesto che tutti i farmaci autorizzati al commercio nell’Unione Europea vengano testati per l’eventuale presenza di nitrosammine. Tutto questo sulla base del del principio di precauzione, dopo il ritiro della lunga lista di farmaci di cui vi parliamo ormai da alcuni giorni.

LEGGI ANCHE: Farmaci a rischio ritirati per impurità cancerogena: il problema è la ranitidina prodotta in India?

LEGGI ANCHE: Rischio cancro: Aifa ritira tutti i farmaci a base di ranitidina, compresi Buscopan Antiacido e Zantac

Attenzione però alla lista fake

Vi ricordiamo che QUI TROVATE L’ELENCO UFFICIALE DEI FARMACI attualmente sotto la lente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Se invece vi arriva su WhatsApp un messaggio come questo:

Allarme ranitidina e farmaci ritirati: occhio all'elenco fake, chiesti ulteriori test su rischio cancro

 

Beh, sappiate che è una fake news.

In realtà si tratta di un elenco di farmaci relativo a una vecchia allerta del 2018, che qualcuno ha “riciclato” e rimesso in circolo, purtroppo con un successo in poco tempo “virale”.

Ulteriori test su rischio cancro

Ma torniamo sull’allerta europea. E’ vero che la sostanza potenzialmente cancerogena (le nitrosammine) si trova anche altrove e in concentrazioni anche maggiori (tipo la carne alla griglia), ma giustamente l’Ema ribadisce il concetto che nei farmaci non debbano per definizione esserci sostanze nocive, anche in piccole percentuali.

Leggi anche:  E' fatta! Grande vittoria per i Vigili del Fuoco

Rapporto fra rischi e benefici

Da qui anche la conseguenza che quantità minime possono rivelarsi problematiche solo se assunte per lungo tempo e a dosi elevate. Chi sta seguendo una terapia, insomma, può continuare a farlo perché l’eventuale presenza di nitrosammine non è mai così elevata: se il paziente ha un’alternativa, un altro farmaco, meglio, altrimenti il beneficio è nella maggior parte dei casi superiore al rischio. L’indicazione – ca va sans dire – è comunque quella di consultarsi col proprio medico.

LEGGI ANCHE: Farmaci a rischio ritirati per impurità cancerogena: il problema è la ranitidina prodotta in India?

LEGGI ANCHE: Rischio cancro: Aifa ritira tutti i farmaci a base di ranitidina, compresi Buscopan Antiacido e Zantac

LEGGI ANCHE: Altri farmaci ritirati: uno per ulcere venose e un antipertensivo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE