Attualità provinciale7 marzo 2018

Burian 2 la vendetta: lo spauracchio gelo siberiano è una fake news

Per i meteorologi americani dal 20 marzo sarebbe in arrivo una nuova ondata di gelo siberiano. A smentirlo ci pensa Meteo.it.

Burian 2 o Burian bis: come lo volete chiamare è il nuovo spauracchio meteo in voga sulla Rete. La smentita a queste previsioni, nel pomeriggio, è arrivata direttamente dagli esperti di Meteo.it.

Altro che gelo siberiano, era una fake news

AGGIORNAMENTO 17 – “La fake news è già diventata un virale passaparola. L’indice di affidabilità di questa “previsione” è talmente basso da non essere nemmeno quantificabile e questa ipotesi allarmistica ha la stessa valenza scientifica del lancio di una monetina e forse anche meno” hanno scritto su Meteo.it. E ancora: “Il 21 marzo sul nostro Paese potrebbe essere una bella giornata di primavera con sole e 20 gradi, potrebbe piovere diffusamente con cielo coperto, potrebbe fare più caldo del normale oppure più freddo. Con 14 giorni di anticipo ogni scenario potrebbe essere possibile. Non è deontologicamente accettabile che vengano diffuse “previsioni” allarmistiche basate su una singola emissione di un modello, il Gfs americano, che già oggi è tornato sui suoi passi”.

Dall’America: Burian 2 in arrivo

Di base c’è il fatto che non esistono modelli meteorologici veramente affidabili che guardino oltre 3/4 giorni. Detto questo, la notizia era che secondo un modello messo a punto da meteorologi americani, dal 20 marzo ci sarebbe stata in arrivo una nuova ondata di gelo siberiano.

Leggi anche:  Domani rischio vento forte

Ondata di gelo

Gli esperti di casa nostra sono comprensibilmente più prudenti e parlano di un possibile abbassamento delle temperature – rispetto alla stagione – per la settimana dal 19 al 25 marzo. Insomma, non ha senso darsi troppa pena, in questo momento.

Leggi anche:  Da tre giorni la terra trema al confine fra Italia e Svizzera

I tormentoni

Anche perché, facendo il verso al mitico Rambo, “Burian 2 la vendetta” resta per ora solo un gran bel titolo. Ma ormai ci stiamo abituando a questo “tormentoni” (come il gelicidio), l’ultimo dei quali è stato il mitico “Big snow” che poi si è rivelato poi non così “big”: certo, la nevicata c’è stata, qualche scuola chiusa precauzionalmente anche, l’agricoltura certo non ne ha beneficiato, ma dovesse verificarsi di nuovo una nevicata come nel 1985 sarebbe a questo punto un problema andare a inventarsi nuovi aggettivi…

In Lombardia

Il fatto che in Lombardia sia stata ridotta del 30% la circolazione dei treni, che il classico “Piano neve” in molti luoghi non abbia funzionato (non a Pavia) e che la circolazione su alcune strade sia andata come al solito in tilt, sono semmai domande più interessanti alle quali cercare di dar risposta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente