Ciclista investe cinghiale e finisce all’ospedale. Codacons: “Sono le conseguenze della mancanza di un piano di abbattimento a livello provinciale. I cinghiali proliferano e queste sono le conseguenze”.

Ciclista investe cinghiale

Ha riportato un trauma toracico importante, la frattura di un femore oltre a varie escoriazioni su tutto il corpo il ciclista che non è riuscito ad evitare un cinghiale che gli attraversava la strada in località Ca de Zerbo a Colli Verdi. Lo scontro è stato molto violento e il ciclista, un 54enne di Rivanazzano, è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell’Ospedale San Matteo di Pavia.

LEGGI ANCHE: Investe cinghiale in bici, 54enne ricoverato in rianimazione

“Conseguenze della mancanza di un piano di abbattimento”

Codacons: “Purtroppo si tratta delle conseguenze della scellerata mancanza di un piano di abbattimento a livello provinciale. I cinghiali proliferano e creano questi seri danni che dovranno essere risarciti. Secondo la Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, ordinanza del 29 maggio 2018, n. 13488 in punto di diritto la responsabilità aquiliana per i danni a terzi deve essere imputata all’ente al quale siano stati concretamente affidati i poteri di amministrazione del territorio e di gestione della Fauna ivi insediata con autonomia decisionale sufficiente a consentire di svolgere l’attività in modo da poter amministrare i rischi di danni a terzi che da tali attività derivino. Responsabile dei danni cagionati dalla fauna selvatica è dunque la Provincia di Pavia che oggi sarà diffidata dal Codacons al fine di sollecitare l’adozione di un piano di abbattimento provinciale dei cinghiali. Si invita chiunque abbia subito danni a contattare il Codacons all’indirizzo codacons.pavia@gmail.com per una consulenza qualificata in materia”.

LEGGI ANCHE: “Sereni Orizzonti” cerca urgentemente 350 operatori: anche in provincia di Pavia

Leggi anche:  Attenzione alle false mail provenienti dalla Polizia di Stato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE