La scossa di terremoto a Milano che nessuno ha sentito

E’ successo a poca distanza dalla provincia di Lodi: l’epicentro del terremoto è infatti stato tra Colturano, Melegnano e San Donato Milanese. Ma a quanto pare nessuno se n’è accorto.

Eppure domenica 30 giugno 2019, da poco passate le 14.00, una scossa tellurica di magnitudo 2.1 ha interessato le zone a sud-est che circondano Milano. Situazione tanto insolita quanto silenziosa, tanto da non destare alcun sospetto né clamore.

Il silenzioso terremoto milanese

Secondo i dati forniti dal Centro Nazionale di Vulcanologia e Sismologia la scossa di terremoto sarebbe partita da una profondità di 49 Km sotto il livello del terreno e le precise coordinate  geografiche sarebbero (lat, lon) 45.38, 9.33.

L’insolita scossa di terremoto di magnitudo 2.1 individuata nell’hinterland milanese sarebbe solo strumentale, pertanto percepibile solo dagli strumenti, inosservata ed non percepita dai cittadini. E’ infatti a partire dal magnitudo 2.5 che una scossa può venire avvertita da alcune persone mentre con magnitudo 3 la maggior parte della popolazione sente stremare la terra sotto i piedi. Danni sensibili, invece, iniziano a verificarsi da magnitudo 4 in avanti. Situazioni, queste ultime, ben lontane dalla scossa di terremoto a Milano dello scorso sabato.

Leggi anche:  Vigevano cerca due volontari civili: il bando

L’ultimo episodio sismico riscontrato nella zona

Intorno alle h. 9.00 del 20 maggio 2019 anche a Robecco sul Naviglio è stata riscontrata una scossa sismica di magnitudo 2.5 che, però, non ha provocato alcun danno.  L’epicentro del terremoto era stato registrato a 2km dal centro del Comune di  Robecco sul Naviglio, tra Abbiategrasso e Magenta, a 9 km di profondità.

E voi vi siete accorti che c'è stata una scossa di terremoto a Milano?

LEGGI ANCHE: Terremoto a Robecco, epicentro a 9km di profondità