Giornata mondiale della sindrome di Down. Il messaggio di quest’anno è “Leave no one behind”, non lasciare indietro nessuno.

Giornata mondiale della sindrome di Down

“Leave no one behind”, non lasciare indietro nessuno. Questo il messaggio lanciato in occasione della giornata mondiale della Sindrome di Down, in programma il 21 marzo. In Italia si stima che vivano fra le 35mila e le 40mila persone con sindrome di Down. In occasione della giornata, CoorDown Onlus – Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down – lancia la campagna di sensibilizzazione internazionale “Reasons To Celebrate”, per denunciare quanto ancora siano lontani gli obiettivi di pieno rispetto dei diritti e uguale accesso alle opportunità per le persone con sindrome di Down.Andare a scuola, praticare uno sport, trovare un lavoro, vivere in autonomia da adulti: è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down.

Il video

La campagna video racconta le altre tre giornate che si festeggiano sempre il 21 marzo: quella mondiale della Poesia, del Nowruz, che celebra l’inizio della primavera, e la giornata internazionale delle Foreste. Momenti di meraviglia che si spengono quando una persona con sindrome di Down ricorda che si celebra anche la giornata mondiale sulla sindrome. A differenza delle altre tre giornate, “non ci sono molti motivi per festeggiare”, perlomeno fino a quando anche una sola persona non avrà le stesse opportunità di studiare, lavorare e partecipare alla vita sociale.

Leggi anche:  Straordinario primo intervento di cardiochirurgia pediatrica con l’utilizzo della realtà aumentata

“Dobbiamo ancora lavorare”

“Fintanto che ci sarà l’esigenza di una Giornata – evidenzia Antonella Falugiani, Presidente di CoorDown Onlus – vuol dire che dobbiamo ancora lavorare per il riconoscimento e la valorizzazione della diversità e per un cambiamento culturale profondo nei confronti della disabilità”. Quest’anno CoorDown sarà rappresentato alle Nazioni Unite da Marta Sodano, 25 anni, che porterà la sua storia ed esperienza educativa, fondamentale per l’inclusione sociale e lavorativa. Anche la Lega Serie A si schiera a sostegno della piena inclusione delle persone con sindrome di Down e lancia dal 15 al 17 marzo il messaggio “Non lasciate indietro nessuno”. (ANSA).

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE