L’unione fa la forza (e la speranza): collaborazione tra Policlinico San Matteo di Pavia e Ospedale San Paolo di Milano al servizio della vita e del dono.

Team del San Matteo di Pavia al San Paolo di Milano per un prelievo di organi e tessuti

Si consolida la sinergia tra due grandi aziende sanitarie ospedaliere, l’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano e la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, nuovamente insieme per effettuare un prelievo di organi e tessuti da una paziente deceduta in seguito ad arresto cardiaco.

LEGGI ANCHE>> A cuore fermo per “donare” nuove vite: team del San Matteo esegue espianto di fegato e reni

L’Ospedale San Paolo, come già fatto in precedenza, ha contattato il Policlinico San Matteo di Pavia: centro di riferimento per l’ECMO, la circolazione extracorporea, una tecnica utilizzata sia per trattare patologie gravissime di cuore e polmoni, che per la conservazione degli organi addominali dopo la morte per arresto cardiaco irreversibile in previsione di eventuale trapianto.

La dott.ssa Maria Adele Figini, Coordinatore Locale Trapianti ha quindi applicato i protocolli per l’identificazione del paziente come possibile donatore attraverso le linee guida del Centro Nazionale Trapianti e, avuta l’autorizzazione del Nord Italia Transplant program (NipT), alla paziente donatrice, ormai a cuore fermo (classe Maastricht III) è stata attuata una perfusione normo termica regionale addominale grazie all’intervento della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, che ha  prontamente attivato e messo a disposizione “ECMO Team”, un’équipe composta dal coordinamento locale trapianti, un cardiochirurgo, un perfusionista e tutte le strumentazioni per poter attuare la volontà donativa della paziente una volta deceduta.

Leggi anche:  Cosa c'è questa sera in TV: i Medici e Ficarra e Picone

Tecnica innovativa

Questo tipo di procedura è altamente innovativa e l’ASST Santi Paolo e Carlo è il primo ospedale in Italia ad averla attuata attraverso l’intervento di un team esterno, per la prima volta proprio quest’anno. Il Coordinamento Regionale Trapianti ha seguito e coadiuvato le operazioni di allocazione degli organi.

Anche il Servizio di Psicologia dell’ASST Santi Paolo e Carlo ha avuto un ruolo attivo nel processo di donazione, garantendo un aiuto psicologico ai familiari del donatore e supportando le comunicazioni difficili.

Una nuova speranza di vita

Grazie alla generosità del donatore, allo straordinario lavoro della équipe di Terapia Intensiva e di sala operatoria e alla preziosa collaborazione tra i due ospedali sono stati trapiantati il fegato ed un rene, rendendo possibile per i riceventi del Policlinico di Milano e del Policlinico di Pavia, una nuova speranza di vita.

Non solo prelievo di organi ma anche tessuti: cute destinata alla CCR innesti cutanee del Niguarda di Milano e le cornee alla Banca degli Occhi di Monza.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e provincia Eventi&News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale GiornalediPavia.it: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!