Attualità regionale11 Aprile 2019

Paese in vendita nel Lecchese: l’epilogo in Regione (con sorpresa)

Operazione di marketing anche per lanciare il progetto “Missione Comune” del provider Eolo.

La Via Crucis di Esino Lario non finirà nelle mani di qualche magnate russo o emiro arabo, o per assurdo neppure della mitica casalinga di Voghera, che visti i prezzi avrebbe potuto benissimo aggiudicarsela. Anche perché quella del paesino di 700 anime in vendita nel Lecchese era tutta una finta. Per altro – come già sottolineato – perfettamente riuscita. L’epilogo della vicenda, salita agli onori delle cronache nazionali, è andato in scena oggi a Palazzo Lombardia, sede della Regione, dove s’è tenuto un convegno ad hoc sul problema dello spopolamento dei piccoli Comuni.

Epilogo in Regione con sorpresa

Come racconta GiornalediLecco.it, grande assente l’annunciato governatore Attilio Fontana. Presenti invece, come da copione il sindaco di Esino Pietro Pensa, il  coordinatore nazionale Anci per i piccoli Comuni Massimo Castelli e il  critico d’arte e opinionista Vittorio Sgarbi. Con lo loro anche Luca Spada, fondatore di Eolo, società di telecomunicazioni italiana e Internet Service Provider con sede a Busto Arsizio.

Paese in vendita nel Lecchese: l'epilogo in Regione (con sorpresa)
I protagonisti del convegno di Milano

Svelato l’arcano, infatti: “Vendesi Esino” è stata una mega operazione di marketing, una riuscitissima provocazione per richiamare l’attenzione sui problemi dei piccoli Comuni, primo fra tutti lo spopolamento. Ma non solo: ha rappresentato anche l’occasione per lanciare il progetto “Missione Comune”, promosso dal provider Eolo (società di telecomunicazioni italiana e Internet Service Provider con sede a Busto Arsizio, dove lavora anche il sindaco Pensa), che già ha portato la connessione veloce a Esino in occasione del raduno mondiale di Wikipedia nel 2016.

Ho chiesto a Pietro Pensa, sindaco di Esino Lario – ha spiegato Spada – di aiutarmi a far discutere del tema, nella speranza che questa provocazione aiuti ad attivare energie positive per salvaguardare l’immenso patrimonio dei piccoli centri” ha spiegato Spada. Ed ecco come è nata l’idea di mettere in vendita la “Perla delle Grigne”.

BANDA LARGA, UNA DONAZIONE: ECCO COSA FARA’ ESATTAMENTE EOLO

Leggi anche:  Pfas anche nelle acque del fiume Po alcune decine di nanogrammi per litro

Ma c’è anche chi dice no

Già il circolo del Pd della vicina Bellano aveva preso le distanze(“Protagonismo mediatico senza coinvolgimento degli esinesi”), oggi anche il consigliere Regionale dem Raffaele Straniero ha rincarato la dose.

E se al convegno di Milano il coordinatore nazione dei Piccoli Comuni Massimo Castelli ha affermato “Eolo è una società privata? A me non importa, basta che ci dia una mano”, è arrivata la precisazione di Straniero (che il giorno prima aveva definito “preoccupante il fatto che l’iniziativa sia stata ‘sponsorizzata’ da una nota società privata del settore delle telecomunicazioni”).

“Niente da contestare circa l’iniziativa di un operatore privato di portare la banda larga nei piccoli comuni italiani per non lasciarli tagliati fuori del mondo e spostare l’attenzione sui nostri borghi a rischio spopolamento. Ma rimane lo sgomento per il metodo, che in qualche modo ha messo alla berlina il paese di Esino Lario e lo ha utilizzato per un’operazione tutto sommato pubblicitaria”.

“Sì al merito, no al metodo”, “Non ci meritiamo tutto questo” E TUTTE LE ALTRE REAZIONI