Startup di impresa, da Regione 1,1 milioni per territori montani area interna appennino e alto Oltrepò Pavese.

Startup di impresa, da Regione 1,1 milioni

Attraverso l’utilizzo dei fondi europei del programma POR FESR 2014-2020, al fine di rispondere concretamente alla necessità di rimettere in moto un percorso di crescita e di incrementare la competitività delle imprese lombarde, Regione Lombardia ha stanziato 1,1 milioni di euro per startup di impresa dei territori dell’Area Interna Appenino Lombardo – Alto Oltrepò Pavese.  Lo ha deciso la Giunta regionale, approvando, ieri, in una specifica delibera, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico e di concerto con l’assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni. Il finanziamento è a fondo perduto fino al 50 per cento.

Chi può presentare la domanda

micro, piccole e medie imprese con sede legale od operativa attiva da non più di 24 mesi; coloro che aspirano a essere imprenditori, ossia chiunque provveda, nel termine di 90 giorni dal decreto di assegnazione, a iscriversi nel Registro delle Imprese di una delle Camere di Commercio della Lombardia. Possono partecipare anche liberi professionisti in possesso dei seguenti requisiti: singoli in possesso di partita Iva o che abbiano avviato l’attività professionale oggetto della domanda di partecipazione al bando da non più di 24 mesi; studi associati in possesso dell’atto costitutivo dello studio e della partita Iva associata allo studio da non più di 24 mesi.

I settori di intervento

I progetti, in base alle rispettive strategie d’area, possono essere presentati da soggetti che svolgano tutte le attività economiche, a esclusione dei settori agricoltura, silvicoltura e pesca, delle imprese del settore alberghiero e della ristorazione. Restano inclusi invece “gli aspiranti imprenditori” che vogliono avviare attività ricettive, nel campo degli alberghi e ristoranti.

Ascolto del territorio

“Il metodo di Regione Lombardia, basato sull’ascolto dei territori e delle loro esigenze, risulta vincente – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico -. Quando le richieste partono dal basso, attraverso un confronto costruttivo si possono realizzare misure davvero necessarie, stanziando le risorse giuste. Le istituzioni che offrono opportunità a imprese e a liberi professionisti dimostrano di saper dare un contributo reale in un periodo di grandi cambiamenti come questo. Il nostro impegno è offrire possibilità concrete a zone che vanno assolutamente rilanciate e valorizzate in ogni potenzialità”.

Consolidare insediamenti in aree fragili

“Come per i territori dell’Area Interna Alto Lago di Como e Valli del Lario, anche per l’Area interna Appennino Lombardo – Alto Oltrepó Pavese, Regione Lombardia mette a disposizione un’altra importante dotazione finanziaria a sostegno di progetti imprenditoriali inediti – ha spiegato l’assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni -. L’obiettivo lungimirante e strategico che ci siamo posti è di incoraggiare aspiranti imprenditori o liberi professionisti a fare impresa, innescando così un processo virtuoso che permetta alle persone di rimanere, o ritornare, a vivere in questi territori distanti dai centri urbani e per questo più fragili”.

“In maniera coerente con le richieste e le aspettative provenienti dal territorio – ha concluso – puntiamo sul mondo produttivo quale motore di sviluppo economico anche in Alto Oltrepò Pavese”.

Progetti

Per la realizzazione della finalità del bando possono essere presentati progetti di avvio e sviluppo di micro piccole e medie imprese o di attività di lavoro libero-professionale in forma singola e in forma di studio associato.

Leggi anche:  Strada Nuova diventa pedonale nelle serate dei weekend estivi

Le spese ammissibili

Le spese ammissibili per il bando sono principalmente: opere edili, murarie e impiantistiche, affitto immobili sede del progetto, arredi, macchinari, impianti e attrezzature, automezzi, hardware e software.

I Comuni destinatari del finanziamento

Potranno accedere al finanziamento tutti i Comuni che compongono l’Area Interna Appenino Lombardo – Alto Oltrepò Pavese, ovvero: Bagnaria, Borgoratto Mormorolo, Brallo di Pregola, Fortunago, Menconico, Montesegale, Ponte Nizza, Rocca Susella, Romagnese, Ruino, Santa Margherita di Staffora, Val di Nizza, Colli Verdi, Zavattarello e Varzi.

Proprio a Varzi, mercoledì 10 aprile, verrà presentato il bando ai portatori d’interesse, alla presenza dell’assessore allo Sviluppo economico.

LEGGI ANCHE:

Il Ministro Centinaio a Riccagioia: “L’Oltrepò fa squadra”

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE