Terre d’Oltrepò: il vino Novello a Broni e cantine aperte a La Versa. Il presidente Andrea Giorgi: “Orgogliosi di rispettare le nostre tradizioni”.

Terre d’Oltrepò: il vino Novello a Broni e cantine aperte a La Versa

Il vino Novello è una tradizione sentita nel mondo vitivinicolo oltrepadano. La presentazione del vino nuovo era, nel passato, momento di condivisione e di bilanci sulla vendemmia appena trascorsa. Con questo intento Terre d’Oltrepò organizza domenica 10 novembre 2019, presso la cantina di Broni di via Sansaluto, la tradizionale Festa del Novello.

Festa del Novello

Dalle 8,30 alle 18,30 la grande area esterna ospiterà bancarelle con prodotti tipici a km0 e degustazioni varie. In particolare saranno cucinati piatti caldi della tradizione e distribuiti biscotti con riduzione di Novello. Per tutta la giornata, presso il wine point, sono fissati gli assaggi del vino nuovo e di altri prodotti della cantina.

Cantine aperte

A qualche chilometro di distanza, presso la storica cantina di Santa Maria della Versa, in occasione di Cantine Aperte, i suggestivi caveau di La Versa potranno essere visitati attraverso dei tour guidati che prevedono anche una degustazione assistita finale di 3 vini di punta del brand (costo 10 euro). Poi ritornano le prestigiose verticali di Testarossa: si potranno degustare le annate 1985, 1991 e 2004. Un viaggio emozionante per gli amanti del mondo degli spumanti (costo 15 euro, per info e prenotazioni 0385.798411).

“La Festa del Novello e Cantine Aperte a La Versa – spiega il presidente di Terre d’Oltrepò, Andrea Giorgi – rappresentano due momenti significati della stagione. L’obiettivo è coinvolgere il territorio, far rivivere la tradizione del Novello coinvolgendo più gente possibile. Vedere la nostra cantina piena di appassionati è motivo di orgoglio e premia il lavoro svolto da tutta la nostra squadra per proporre vini di qualità”.

Concorso gastronomico in memoria dello chef Egidio Rossi

Lunedì 11 novembre l’atto finale di questo intenso fine settimana. Le cantine La Versa e quella di Casteggio saranno protagoniste di un altro evento mondano: la finale del concorso gastronomico dedicato alla memoria dello chef Egidio Rossi, già presidente lombardo della Federazione Italiana Cuochi ed esponente del direttivo nazionale. La prestigiosa cornice del castello di San Gaudenzio ospiterà l’atto finale di questa sfida che vedrà coinvolti sei finalisti ed un parterre di ospiti di circa 150 chef della Fic.

Leggi anche:  Broni, nei mini video il Sindaco spiega la raccolta differenziata

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE