Vendemmia 2019, Terre d’Oltrepò ha lavorato 350mila quintali di uva. La parola d’ordine è qualità a fronte di un calo della raccolta di circa il 33% rispetto alla stagione precedente.

Vendemmia 2019, Terre d’Oltrepò ha lavorato 350mila quintali di uva

Cala il sipario sulla vendemmia 2019 di Terre d’Oltrepò. La parola d’ordine è qualità a fronte di un calo della raccolta di circa il 33% rispetto alla stagione precedente. In totale sono stati 4mila i carri arrivati al sito produttivo di Broni di cui più della metà sono stati controllati minuziosamente con il sistema Foss Analytics con cui, all’arrivo, la cantina ha potuto fare una sorta di “radiografia” particolareggiata della qualità dell’uva conferita dai soci. In totale sono stati lavorati 350mila quintali di frutto.

“Massima qualità”

Nel frattempo è ritornato in queste ore in cantina l’enologo di fama mondiale Riccardo Cotarella che ha visionato, insieme allo staff, i primissimi campioni di vino definendo questa annata di “massima qualità” ed esprimendo soddisfazione sul lavoro svolto in questi mesi dai soci che hanno aderito al Progetto Qualità della cantina.

Riccardo Cotarella e Andrea Giorgi

“Siamo sulla strada giusta – spiega senza giri di parole il presidente di TDO, Andrea Giorgi – La qualità dell’uva è migliorata e i nostri controlli tecnologici all’arrivo ci hanno permesso di fare una fotografia dettagliata di quello che i soci ci fornivano. Ritengo questo passaggio una svolta epocale per la cantina e, allo stesso tempo, i nostri soci devono essere sempre più consapevoli che questa è la strada intrapresa. Gli investimenti e gli sforzi economici dovranno seguire questa strategia che ci porterà ad avere vini sempre più top di gamma”.

LEGGI ANCHE>> I vini di Terre d’Oltrepò firmati da Riccardo Cotarella

Il presidente Giorgi entra nel merito della strategia adottata. “Il miglioramento del nostro posizionamento sul mercato è avvenuto cercando di puntare sui valori della qualità, della sostenibilità, della modernizzazione, del rispetto e della reputazione. Sono queste le leve che riteniamo essere adatte a portare maggior remunerazione ai soci. – spiega il numero uno di TDO –  Riteniamo di dover valorizzare maggiormente i nostri prodotti spingendo di più nei settori dove la marginalità è superiore. Una strategia ben chiara che va incontro alle necessità di guadagno dei nostri soci. Allo stesso tempo questi ultimi devono essere consapevoli di questo sforzo che ci permette di essere presenti sul mercato con prodotti di vertice. Oggi più che mai questa cantina deve cancellare il passato, gli scandali devono rimanere un ricordo lontano e sbiadito perché ora abbiamo idee chiare e precise su dove si deve andare. E come farlo”.

Infine il presidente Giorgi si toglie anche un sassolino dalla scarpa. “Siamo i primi noi ad aver effettuato controlli minuziosi sulle uve in arrivo attraverso tecnologie che andremo ad incrementare – spiega – e poi ci siamo adoperati per agevolare quelli degli organi competenti. Auspico che questa attività di ispezione mirata alla salvaguardia dell’uva e quindi del vino finale sia stata effettuata da tutti, in modo trasversale e non solo da chi, come noi, ha sempre gli occhi puntati addosso”.

LEGGI ANCHE>> Fuori i vestiti pesanti: da domani calano le temperature (ma si potrà accendere il riscaldamento)

Leggi anche:  Sciopero dei treni il 15 dicembre: nessuna fascia di garanzia

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Pavia e provincia Eventi&News

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale GiornalediPavia.it: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!