Coltivate il sogno di una casa originale? Cercate consigli shabby chic? Non basta orientarsi verso mobili dalle linee retrò, preferibilmente in colori chiari e posizionarli in un locale. Piuttosto, per essere certi di ricreare tutt’intorno un’atmosfera in linea con questo stile oggi decisamente di tendenza, bisogna seguire determinate regole di base. In primo luogo il divano. Il rivestimento dovrebbe essere in un tessuto naturale come il lino, la struttura invece in legno. Assolutamente da evitare i divani in pelle. Pavimenti: senza parquet che shabby chic è? Non importa che sia nuovo o vecchio. Anzi, più è vissuto meglio è. C’è chi pensa che il bel tappeto della nonna in soggiorno starebbe benissimo… Meglio non srotolarlo e lasciarlo in soffitta.

Consigli shabby chic

E adesso le luci. A cosa serve ricreare un’atmosfera dal sapore nostalgico se dal soffitto pende un lampadario moderno? Basta poco per rovinare tutto. Anche il lampadario, dunque, deve essere retrò, meglio se in cristallo o metallo. Ammesse anche le lampade da terra, a patto che il paralume sia romanticamente decorato. Per quanto riguarda i mobili da preferire è il legno opaco anche decapato perché contribuisce a creare in tutto l’ambiente una gradevole atmosfera vissuta. I colori chiari sono naturalmente perfetti, ma è bene ricordare che una sola tinta può appiattire l’arredamento. Per questo nell’ambiente sono consigliati diversi colori scelti in una palette ristretta di tonalità pastello.

Leggi anche:  Illuminazione pubblica sostenibile? Il modello di Monterotondo

Il lighting designer

La figura del lighting designer è oggi sempre più importante soprattutto qualora si sia indecisi sul posizionamento dei punti luce nella propria abitazione. La sua consulenza si rivelerà preziosa, per esempio, per illuminare correttamente la zona giorno e tutti gli altri ambienti domestici. Sfruttando al meglio ogni tecnologia, il professionista potrà ricreare, a seconda delle necessità, la giusta atmosfera proprio attraverso il corretto posizionamento di lampade, faretti, lampadari e ogni altro dispositivo illuminante. Per esempio, sarà possibile inondare di luce il soggiorno quando si ricevono gli ospiti, oppure creare zone soft, perfette per il relax dopo cena. Piccoli accorgimenti renderanno unico ogni arredamento: tante light-book correttamente posizionate, per esempio, daranno vita alla libreria nel senso letterale del termine, mentre chi ama l’innovazione potrà sfruttare gli effetti della tecnologia led. Le strisce led infatti, si utilizzano in mille contesti e ben si prestano a illuminare ogni spazio.