Armi abusive e lesioni agli agenti: arrestato 29enne a Vigevano, anche la moglie si è scagliato contro i carabinieri.

Armi abusive

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vigevano, la notte del 09 marzo 2019, hanno arrestato L.A., classe 1988, di origine tunisina, residente a Vigevano, per resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale e porto abusivo di attrezzi atti ad offendere la persona (un machete ed un martello).

Arrestato

Tradotto dagli operanti presso il Palazzo di Giustizia di Pavia, veniva convalidato l’arresto e disposta la custodia cautelare in carcere in attesa del dibattimento che avrà luogo il giorno 20 marzo 2019.

Beccato durante una lite

A seguito di richiesta di cittadino, i Carabinieri del Radiomobile intervenivano in Vigevano, Via Trivulzio per dissipare una lite tra cittadini extracomunitari. L.A., al termine della lite, pensando di non essere visto, prelevava, da un loculo interno a un muro di costruzione, un machete ed un martello e li nascondeva sotto il maglione. Tale attività non è sfuggiva ai militari i quali prontamente lo hanno disarmato. Il cittadino extracomunitario ha opposto ferrea resistenza mordendo uno dei Carabinieri al polso sinistro, provocandogli lesioni guaribili in 10 giorni. Ha poi tentato di autolesionarsi dando testate alla vettura di servizio e proseguendo nel suo comportamento anche in caserma e al pronto soccorso. Anche sua moglie A.A., classe 1975, cittadina italiana, ha aggredito i Carabinieri, venendo a sua volta denunciata. Ci sono voluti 5 carabinieri per trasferirlo.

Leggi anche:  Giornate FAI di primavera 2019: la Quadreria dell'Ospedale di Vigevano

LEGGI ANCHE: Insulti alle donne del Pd di Pavia e Lodi