Aggredisce la ex con pistola e machete, poi tenta di togliersi la vita ingoiando farmaci: arrestato un uomo di 62 anni.

Aggredisce la ex con pistola e machete

A Pavia, nel pomeriggio di lunedì 7 gennaio 2019, personale della Squadra Mobile e della Squadra Volante della Questura è intervenuto in centro città su richiesta di una donna di 49 anni, che aveva dichiarato di essere stata aggredita e sequestrata dall’ex coniuge, A.S. di anni 62, da cui era separata dal mese di aprile 2018.

Ammanettata e bendata

Sul posto gli operanti hanno trovato la donna con delle manette ai polsi, parzialmente bendata da un nastro adesivo e con il volto tumefatto. Dai primi accertamenti è emerso che l’uomo, dopo averla sorpresa alle spalle all’ingresso dell’abitazione e minacciata con una pistola, l’ha costretta a seguirlo prima in ascensore, dove l’aveva ammanettata e bendata, e poi all’interno dell’appartamento.

Pugno al volto

Qui, dietro la minaccia dell’arma da fuoco ed un machete, l’aveva colpita con un pugno al volto, tentando di costringerla ad effettuare un bonifico on-line, operazione non riuscita grazie al tempestivo intervento della Volante e del nuovo convivente della donna.

Salvata dal nuovo convivente

Quest’ultimo ha riferito agli Agenti che, da quando A.S. era tornato in Italia dopo un periodo trascorso all’estero, la donna viveva nel terrore, ragione per cui era solito accompagnarla personalmente sia a lavoro che negli altri spostamenti quotidiani. Quando ciò non era possibile, lo stesso restava comunque in contatto telefonico con lei, dall’uscita dal lavoro sino al rientro in abitazione e viceversa. Proprio queste attenzioni nei confronti della compagna, hanno fatto in modo che lo stesso, nella giornata di lunedì, trovandosi al telefono con lei, abbia potuto ascoltare in diretta quanto stava accadendo.

LEGGI ANCHE: Donna morta a 43 anni: soffocata da un tramezzino

Udite le urla della donna, il suo nuovo compagno ha lasciato immediatamente il lavoro, precipitandosi presso la sua abitazione. Una volta alla porta, fingendosi poliziotto, è riuscito ad entrare in casa e a vedere che la donna era ammanettata e imbavagliata. Lo stesso ha quindi richiesto l’intervento sul numero di emergenza e la Sala Operativa della Questura ha tempestivamente inviato sul posto tutti gli equipaggi disponibili sul territorio.

Leggi anche:  Dinosaur Show Live Experience a Pavia: e se i dinosauri tornassero tra noi?

Vettura danneggiata

Grazie all’immediato intervento delle pattuglie A.S., già allontanato energicamente dall’abitazione dal convivente, è stato bloccato ed accompagnato in Questura.  Nel corso del sopralluogo è emerso che lo stesso aveva anche danneggiato la vettura dell’ex moglie, frantumandone il parabrezza ed il lunotto posteriore con una bottiglia di vetro. La successiva attività d’indagine, condotta anche attraverso l’assunzione di alcune testimonianze, ha consentito di ricostruire compiutamente l’accaduto e arrestare il 62enne per sequestro di persona, lesioni aggravate, detenzione e porto di arma clandestina e danneggiamento. 

Ingoia farmaci

Forse nel tentativo di togliersi la vita una volta resosi conto del suo gesto, il 62enne, ha ingerito diversi farmaci. Dopo aver subito una lavanda gastrica, è stato ricoverato presso l’Ospedale San Matteo, dove è piantonato, in attesa di essere trasferito presso la locale Casa Circondariale. A causa dei colpi ricevuti la donna ha riportato una frattura al setto nasale e ad un dito del piede, lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Anche il convivente è rimasto ferito riportando una lacerazione ad un lobo che è stata giudicata guaribile in 6 giorni.

LEGGI ANCHE: Va a Messa a bordo di auto con targa prova falsa, denunciata

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE