Arrestato direttore ufficio postale: prelievi da carte e soldi rubati dalla cassa.

Arrestato direttore ufficio postale: prelievi da carte e soldi rubati dalla cassa

Rubava i soldi dalle cassette di sicurezza dell’ufficio postale Vigevano 2, situato in via San Giovanni. Ma non solo: prelevava somme di denaro da carte PostePay ricaricabili intestate a persone completamente ignare degli ammanchi.

58 carte trovate

In totale, 58 carte ricaricabili (da quattro di queste erano stati prelevati poco prima 3mila euro in contanti) in tasca, trovate dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pavia, nel cassetto della scrivania dell’ufficio e persino a casa.

Arrestato in flagranza

Il responsabile del furto è F.C., 56enne di origini siciliane residente a Vigevano, direttore dell’ufficio postale Vigevano2, arrestato in flagranza per l’utilizzo indebito di carte di credito/pagamento e denunciato anche per un ammanco di cassa di circa 40mila euro.

Due conti sospetti

Gli accertamenti della Guardia di finanza sono scattati a seguito di una segnalazione e dall’incrocio di alcuni dati. I controlli incrociati delle Fiamme Gialle hanno consentito di individuare due distinti conti correnti riconducibili a carte PostePay intestate a due persone anziane residenti in Lomellina ma non collegate tra loro da vincoli di conoscenza o parentela. Entrambi i rapporti erano stati attivati presso l’ufficio postale di Vigevano2.

Leggi anche:  Donna travolta da un treno, è gravissima: ritardi fino a 60 minuti

Allertata, durante l’operazione, anche la struttura di fraud management di Poste Italiane che, intervenuta immediatamente, si è attivata per individuare le operazioni irregolari di prelievo contante effettuate dal direttore dell’ufficio postale che ora rischia fino a 5 anni di carcere.

LEGGI ANCHE: Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione”

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE