Blitz antidroga della Polizia Locale a Vigevano: denunciato pusher extracomunitario.

Blitz antidroga a Vigevano

Nel tardo pomeriggio di ieri, personale del nucleo operativo della Polizia Locale di Vigevano, è intervenuto in Via Farini a seguito delle numerose segnalazioni ricevute, circa un’attività di spaccio posta in essere nel condominio esistente tra la predetta Via e la Via Mincio. Pertanto due equipaggi del nucleo operativo, in abiti civili e con auto civetta, si sono appostati nei pressi della zona segnalata, e subito, dopo soli pochi minuti, hanno notato un ragazzo avvicinarsi al carraio di Via Mincio da dove è uscito un extracomunitario che gli ha consegnato “qualcosa” in cambio di banconote.

Le stecche di hashish

Due agenti quindi hanno subito fermato il giovane in questione che gli ha consegnato 4 stecche di hashish che deteneva nella tasca. Lo stesso è stato accompagnato presso gli uffici di Via San Giacomo dove gli è stata contestata la detenzione per uso personale. Il ragazzo ha affermato di aver corrisposto all’extracomunitario 35 euro e la sostanza, una volta pesata, è risultata essere pari a grammi 6,6.

La seconda vendita

Nel contempo, l’altro equipaggio, ha notato l’extracomunitario uscire di nuovo dal carraio di Via Mincio, questa volta a bordo di una bicicletta, e allontanarsi in direzione di Via Madonna Sette Dolori. Pertanto, è stato seguito e giunto all’intersezione con Via Trento, gli agenti hanno notato che l’extracomunitario scambiava “qualcosa” con un giovane di nazionalità asiatica che lo stava attendendo. A questo punto sono intervenuti bloccando entrambi i soggetti.

Il giovane asiatico è stato trovato in possesso di due stecche di hashish che aveva appena acquistato dall’extracomunitario e ha dichiarato di aver corrisposto al predetto la somma di 20 euro. La sostanza, pesata, è risultata avere un peso netto di grammi 4,0. Anche nei confronti di quest’ultimo è scattata la segnalazione per uso personale.

Leggi anche:  Incidenti e aggressioni in tutto il Pavese SIRENE DI NOTTE

La perquisizione domiciliare e personale

L’extracomunitario, invece, è stato caricato a bordo dell’autocivetta e riaccompagnato presso il suo domicilio in Via Farini angolo Via Mincio. Qui mediante anche il supporto di una pattuglia del nucleo radiomobile e dell’unità cinofila si è proceduto a una perquisizione personale e domiciliare.

La prima ha permesso di rinvenire e sequestrare due telefoni cellulari (vecchio modello) e 125 euro in contanti suddivisi in banconote di piccolo taglio mentre la seconda ha permesso di rinvenire due smartphone e altri 340 euro sempre suddivisi in banconote di piccolo taglio. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Denunciato a piede libero

Il cittadino extracomunitario è stato denunciato a piede libero per il reato di cessione di sostanze stupefacenti e sono in corso ulteriori indagini al fine di ricostruire l’esatto “giro” di spaccio posto in essere dal predetto. Le segnalazioni, infatti, hanno riferito di un continuo andirivieni di giovani dal tardo pomeriggio fino alla notte. I telefoni sequestrati, d’altro canto, durante l’attività degli operanti, continuavano a suonare quasi ininterrottamente.

Le forze in campo

Per la predetta operazione, il Comando di Via San Giacomo, ha messo in campo due pattuglie del nucleo operativo in abiti civili, l’unità cinofila antidroga  e una pattuglia del nucleo radiomobile. Sul posto, gli agenti, hanno ricevuto il plauso di molti residenti esasperati. Continua l’attività antidroga della Polizia Locale che da qualche anno, ormai, ha raggiunto un ottimo livello di professionalità, riuscendo a dare risposte veloci e concrete alle segnalazioni dei cittadini.

LEGGI ANCHE>> Carne, pesce e vino scaduti sequestrati in ristorante cinese

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE