Controlli antidroga nelle periferie: un pavese arrestato in flagranza e due persone segnalate quali assuntori.

Controlli antidroga nelle periferie

Nel corso della mattinata di ieri, in Ceranova (PV), corso servizio straordinario di controllo del territorio “ad alto impatto”, nell’ambito dell’operazione “Periferie Sicure”, disposto da questa Compagnia al fine di contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti tra le aree campestri della giurisdizione, svolto con il supporto del Nucleo Carabinieri Cinofili di Casatenovo (LC) a mezzo dell’unità antidroga “OCSI”, e della C.I.O. – 3° Reggimento CC di Milano, militari dipendente N.O.R., collaborati da contermini Stazioni CC hanno arrestato, in flagranza di reato, B.C., pavese cl. 91, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le perquisizioni

Il 28enne, controllato a Ceranova (PV), a seguito di perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di 328 grammi di “marijuana”, di strumenti per il taglio ed il confezionamento e di 2125 euro ritenuti provento di illecita attività di spaccio.

Leggi anche:  Raffineria Eni di Sannazzaro: uno scoppio, poi le fiamme

Due segnalati

Nello stesso contesto, estendendo le attività di controllo anche presso istituti scolastici e stazioni ferroviarie, sono stati segnalati amministrativamente, quali assuntori di sostanze stupefacenti:

– un 19enne pavese, poiché, controllato in Pavia, presso l’autostazione, è stato trovato in possesso di complessivi 6 grammi di “hashish”;

– un 47enne milanese, poiché, controllato in Zeccone, è stato trovato in possesso di complessivi 0,69 grammi di “cocaina” e 3,64 grammi di “hashish”.

LEGGI ANCHE: ‘ndrangheta e corruzione, un architetto di Pavia tra gli indagati

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE