Tre ciclisti amatoriali denunciati per doping e ricettazione di farmaci: smerciavano e assumevano un medicinale veterinario chiamato “Stargate”.

Doping e ricettazione farmaci

In data 18 giugno 2019, i militari dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Stradella (PV), a conclusione di mirata attività d’indagine avviata a margine dell’operazione denominata “Vampiri”, condotta tra febbraio 2017/giugno 2018 e che aveva portato all’arresto di diversi soggetti per furti e rapine in abitazioni, hanno deferito in stato di libertà:

B.A., 34enne di nazionalità italiana, residente a Carbonara al Ticino (PV) in via Roma n°146, coniugato, impiegato, incensurato, ciclista amatoriale.

S.S., 40enne di nazionalità italiana, residente a Casteggio (PV) in via Ardito Desio n°3, coniugato, nullafacente, pregiudicato, ciclista amatoriale.

M.G., 47enne di nazionalità italiana, residente a Voghera (PV) in via Scarabelli n°76, celibe, impiegato, incensurato.

Tutti si sono resi responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, dei reati di ricettazione in concorso, somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative, ovvero falsità materiale commessa da privato in concorso, nonché violazione della disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping.

Le accuse

L’attività d’indagine ha fatto emergere elementi di reità a carico dei citati soggetti per aver:

– ricettato ovvero detenuto illecitamente quantità imprecisate di medicinale veterinario denominato “Stargate” contenente stanozololo, non acquistabile senza la prescrizione medica;

Leggi anche:  Trova sul pullman borsello con 10mila euro e lo restituisce

commerciato autonomamente e fraudolentemente in due distinte occasioni dosi non meglio quantificate di anabolizzante veterinario denominato “Stargate” contenente stanozololo;

assunto, in tempi diversi, dosi non meglio quantificate di medicinale veterinario denominato “Stargate” contenente stanozololo, allo scopo di migliorare le prestazioni agonistiche durante la competizione sportiva ciclistica denominata “Campionato Italiano di pista 2017”, tenutosi in Mori (TN) in data 01 – 02 luglio 2017, organizzata dalla Federazione Ciclistica Italiana;

redatto falsamente certificazione medica finalizzata all’ottenimento dell’idoneità sportiva agonistica necessaria al rinnovo dell’iscrizione presso l’associazione “Centri Sportivi Aziendali e Industriali Ciclismo”, ente di promozione sportiva riconosciuto dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Farmaci sequestrati

Durante le perquisizioni domiciliari, sono stati rinvenuti e sequestrati altri farmaci, di vietato uso senza prescrizione medica, che accrescono gli effetti del citato medicinale veterinario dopante.

A tutti gli indagati è stato notificato il provvedimento di conclusione indagini e richiesta di rinvio a giudizio, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia.

LEGGI ANCHE: Agli arresti domiciliari ma “evade” per 7 volte: portato in carcere

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE