Rapina al supermercato IN’S di Pavia: preso e arrestato un marocchino di 42 anni. La sua complice è riuscita a dileguarsi con la refurtiva.

Arrestato 42enne

Nel pomeriggio del 15 luglio scorso, due agenti dell’U.p.g.s.p. della Questura di Pavia hanno tratto in arresto un cittadino marocchino di 42 anni, autore di rapina in un supermercato della catena IN’ S di Pavia in concorso con una donna che, invece, si è data alla fuga.

La coppia era ben nota sia agli operanti che agli addetti dei supermercati cittadini, poiché negli ultimi tempi avevano messo in atto numerosissimi reati contro il patrimonio in vari esercizi commerciali di Pavia.

La rapina

I fatti sono accaduti intorno alle 16.20 del 15 luglio, quando il personale del supermercato IN’ S ha notato la coppia aggirarsi per il supermercato e asportare dal banco frigo derrate alimentari di valore. L’addetto alla sicurezza del supermercato ha intimato ai due di deporre la merce appena rubata ma l’uomo, estratto un oggetto metallico dalla tasca, lo ha minacciato con atteggiamento aggressivo e intimidatorio di ritorsioni nel caso in cui avesse provato a fermarli.

Leggi anche:  Case popolari: a Pavia e provincia arrivano contributi per le famiglie

La fuga

Approfittando dell’attimo di esitazione dell’addetto alla vigilanza, l’uomo e la donna hanno guadagnato l’uscita dal supermercato e si sono dati alla fuga. Nello stesso frangente è intervenuto l’equipaggio dell’U.P.G.S.P. della Polizia di Stato, poco prima allertato dal personale del supermercato, che prontamente si è portato all’inseguimento dei due.

L’inseguimento

L’inseguimento è avvenuto a piedi per via del fatto che i due rapinatori si sono messi a percorrere una stradina che impediva l’accesso alla vettura di servizio e si è concluso con l’arresto dell’uomo, noto alle forze dell’ordine per numerosi precedenti penali e di polizia. La donna è riuscita invece a sottrarsi alla cattura e ha fatto perdere le proprie tracce insieme alla refurtiva.

Una volta tratto in arresto, il rapinatore è stato messo a disposizione della Autorità Giudiziaria che ne ha convalidato l’arresto e disposto il trasferimento nella locale casa circondariale.

LEGGI ANCHE>> Schianto frontale, l’auto prende fuoco: paura per quattro ragazze

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE