Scippata a Natale, muore dopo 20 giorni di agonia: era successo in via San Giovanni Bosco, non ancora trovato il responsabile.

Scippata a Natale, muore dopo 20 giorni di agonia

Non ce l’ha fatta la donna che è stata scippata il giorno di Natale in via San Giovanni Bosco, vicino all’oratorio di Santa Teresa.

M.G.R. aveva 85 anni, ed è morta nella mattinata di domenica 13 gennaio 2019 alla Maugeri. A seguito dello scippo, l’anziana aveva riportato la frattura di una spalla e, il giorno dopo, era stata colpita da un’emorragìa cerebrale mentre si trovava ancora ricoverata in pronto soccorso.

LEGGI ANCHE: Addio a “Greg”, portato via dalla malattia a soli 20 anni

Il trasferimento alla Maugeri

I medici hanno fatto di tutto per salvarla ma il suo quadro clinico è risultato essere troppo grave anche se, una decina di giorni fa, aveva mostrato leggeri segni di miglioramento. Così dal San Matteo era stata trasferita alla Maugeri per iniziare un percorso riabilitativo. Percorso che, purtroppo, si è concluso solo due giorni dopo quando il suo cuore ha cessato di battere.

Leggi anche:  Coppia di coniugi di 60 e 54 anni chiama il 112 e poi aggredisce gli agenti

LEGGI ANCHE: Prete accusa malore a Messa, soccorsi rallentati dalle auto dei fedeli

L’autopsia

L’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia sul corpo della pensionata. Si vuole capire se l’emorragia cerebrale possa essere considerata diretta conseguenza del trauma riportato nello scippo oppure no. Se la risposta del medico legale risultasse positiva le responsabilità dello scippatore si aggraverebbero decisamente in quanto l’accusa di lesioni gravi sarebbe trasformata in omicidio preterintenzionale. I carabinieri della compagnia di Pavia stanno quindi proseguendo l’inchiesta per cercare di identificare il responsabile dello scippo.

LEGGI ANCHE: Pedina e perseguita per gelosia la collega di lavoro, denunciata

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE