Spari di fucile da caccia contro la Raffineria Eni di Sannazzaro. Colpita una cabina di smistamento: cacciatore maldestro oppure atto vandalico?

Spari di fucile contro la Raffineria Eni di Sannazzaro

Scoperti una serie di fori riconducili allo sparo di pallini di un fucile da caccia su una cabina di smistamento della Raffineria Eni di Sannazzaro. L’episodio è accaduto martedì 16 aprile 2019, nelle campagne vicine agli impianti, ma è stato scoperto solo nel pomeriggio di oggi.

Cacciatore o atto vandalico?

La compagnia dei carabinieri di Voghera ha aperto un’inchiesta per cercare di risalire all’autore del gesto. Escluso da subito l’atto intimidatorio (soprattutto in virtù dell’arma utilizzata) restano aperte le piste di un cacciatore, che ha mancato la preda, oppure dell’atto vandalico. Fortunatamente non si sono registrati danni. All’interno delle tubature, infatti, scorre carburante altamente infiammabile.

LEGGI ANCHE: Si suicida con un colpo di pistola nel parcheggio di un’azienda

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE