Trovato morto in casa un anziano di 77 anni. Fermato il figlio. La scoperta alla frazione Giovenzano di Vellezzo Bellini, da parte dell’altro figlio dell’uomo.

Trovato morto in casa

Il corpo senza vita di un uomo di 77 anni è stato trovato nel tardo pomeriggio di ieri domenica 11 novembre a Vellezzo Bellini in località Giovenzano. Fermato dai carabinieri, il figlio 38enne che viveva con l’uomo.

Il 38enne è fortemente sospettato di essere l’omicida del padre convivente. L’uomo incensurato assisteva da diversi anni il padre gravemente malato e non più in grado di assolvere da solo alle incombenze quotidiane. Si era totalmente dedicato a tale necessità tanto da dovere rinunciare ad una vita propria e al lavoro.

Il raptus

I primi accertamenti rendono plausibile l’ipotesi che giorni fa (non meno di cinque), in un momento di raptus, abbia esercitato qualche tipo di pressione sulle vie respiratorie dell’anziano padre già fortemente provato dalla malattia. Poi è rimasto a vegliarlo per diversi giorni.

Leggi anche:  Trovato Luca Zanini: sta bene

La scoperta

Nel pomeriggio di ieri, il fratello maggiore si è recato a casa del padre poiché non riusciva a mettersi in contatto con loro scoprendo quanto accaduto. A conclusione di un lungo interrogatorio, è scattato il fermo nei suoi confronti, con l’ipotesi di accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Il fermato è stato recluso presso il carcere di Pavia in attesa della decisione dell’autorità Giudiziaria.

Altro caso in Brianza

Una vicenda analoga quella capitata a Paolo Villa a Ornago (LC). La sorella dell’uomo e la figlia della donna, furono trovate morte, in avanzato stato di decomposizione, nel mese di febbraio. Della loro uccisione fu accusato l’uomo, fratello e zio delle vittime, anche lui trovato in stato semi-confusionale dopo il presunto duplice omicidio. Per lui lo scorso ottobre arrivò l’archiviazione, ma solo dopo la sua morte per cause naturali. 

TROVI TUTTA LA VICENDA QUI

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE