Appalti, legalità e sviluppo: si terrà in Prefettura, nella giornata di oggi la firma del Protocollo d’Intesa tra istituzioni, sindacati, cooperative e operatori della logistica.

Appalti, legalità e sviluppo

Oggi, giovedì 19 aprile, in Prefettura si firmerà il “Protocollo d’Intesa in materia di appalti, legalità e sviluppo” sulla gestione del servizio della movimentazione merci effettuate da imprese specializzate nel settore. Un patto tra istituzioni, sindacati, cooperative ed operatori della logistica per garantire la massima trasparenza e la sicurezza dei lavoratori del settore.

I presenti alla firma

Garante del protocollo il Prefetto di Pavia, Attilio Visconti, che presenzierà alla firma dello stesso da parte del Presidente della Provincia Vittorio Poma, i Sindaci dei Comuni di Broni, San Cipriano Po e Stradella, dei delegati provinciali delle OO.SS. CGIL, CISL, UIL, FILT CGIL, FIT CISL, UILTTRASPORTI e dei rappresentanti legali di due delle principali imprese di logistica dell’Area Broni – Stradella – San Cipriano Po: la EASY COOP e la XPO LOGISTICS.

Occupazione e qualità del lavoro

Un Protocollo di “Legalità” e “Buone Prassi” contrattuali in materia di appalti di lavori, forniture e servizi, per affermare con forza i principi fondamentali che contraddistinguono una economia sana che assuma come priorità l’occupazione e la qualità del lavoro. Il protocollo introduce per la prima volta nei processi di logistica anche il tema della sostenibilità economica e sociale perché sono sempre più evidenti i rischi di comportamenti e modalità degenerative su molti processi di trasporto, movimentazione, magazzinaggio e distribuzione, conseguenza di una pressione al ribasso sui prezzi non più sostenibile e frutto di una percezione errata del valore della logistica e del suo contributo all’industria manifatturiera e per ciò che attiene ai nuovi modelli di consumo e di e-commerce.

Leggi anche:  Bonus pubblicità per le campagne sui giornali finalmente approvato

Comuni e Imprese Committenti

Con il Protocollo, si prevede, infatti, sulla base di dati e relazioni che descrivano la comunità dell’Area di Logistica e che permettano di comprenderne i bisogni, un coinvolgimento dei Comuni di San Cipriano Po, Stradella e Broni, e della Provincia di Pavia per la pianificazione di varie tipologie di servizi come, ad esempio, percorsi di integrazione a partire dalla conoscenza della lingua o il rafforzamento dei collegamenti pubblici da e per l’Area Logistica. Coinvolte anche le Imprese Committenti insediate affinché valutino un possibile contributo ai costi dei servizi medesimi o comunque valutino degli investimenti utili alla comunità dell’Area di Logistica. Si tratta di un protocollo aperto alla sottoscrizione di tutti i sindaci del territorio e di tutti gli operatori privati del settore che, unitamente alle istituzioni citate, vogliono creare le condizioni ottimali per favorire il pieno riconoscimento dei diritti dei numerosissimi addetti al settore.