Lamborghini Espada e Islero, mezzo secolo e non sentirli. I due modelli festeggiano quest’anno il cinquantesimo anniversario. In occasione di questa importante ricorrenza il Lamborghini Polo Storico, il dipartimento dedicato alle vetture d’epoca della Casa, ha completato il restauro dell’Espada e dell’Islero di proprietà del Museo aziendale e annuncia un tour, dedicato a questi due modelli, in programma dal 7 al 10 settembre 2018 in Italia.

Lamborghini Espada, la prima quattro posti di serie

L’Espada è il primo modello di serie a quattro posti della storia di Lamborghini. E una delle vetture storiche prodotte nel maggior numero di esemplari, con 1.226 vetture realizzate nel corso dei 10 anni di produzione. La linea particolare dell’Espada, bassissima (poco meno di 1,20 metri di altezza), ma malgrado questo estremamente spaziosa, è frutto di un disegno di Marcello Gandini per la Carrozzeria Bertone. L’Espada è stata prodotta in 3 serie, la Serie I (fino al Gennaio del 1970) in 176 unità, la Serie II (fino al 1972) in 578 unità e la finale Serie III (fino al 1978) in 472 unità. Adotta, posizionato in modo longitudinale anteriore, il motore V12 di 4.0 litri con doppio albero a camme in testa da 325-350 CV, a seconda della serie e della specifica, alimentato da 6 carburatori Weber che le permette di raggiungere una velocità massima di circa 245 km/h.

Lamborghini Islero, in origine era Jslero

L’Islero, formalmente nata come Jslero, è stata prodotta dal 1968 al 1970 in due versioni: Islero e per il 1969, Islero S. Questo modello nasce dalla base della 400 GT. Rivista per ospitare pneumatici e carreggiate maggiorate, completata da un disegno della carrozzeria realizzato da Mario Marazzi della Carrozzeria Marazzi. Adotta, posizionato in modo longitudinale anteriore, il motore V12 di 4.0 litri (3.929 cc) con doppio albero a camme in testa per bancata da 320 CV (350 CV sulla S). Alimentato da 6 carburatori Weber doppio corpo che le permette di raggiungere una velocità massima di circa 250 Km/h (260 Km/h sulla S). E’ un modello molto raro, prodotto in sole 225 unità, 155 come Islero e 70 come Islero S.

Leggi anche:  Nuove Audi TT e TTS, si celebrano vent’anni dal debutto

Perugia, Orvieto, Assisi, il Chianti…

Le celebrazioni per i 50 anni della Lamborghini Espada e Islero culmineranno con il raduno in Umbria dal 7 all’11 settembre. Organizzato dal Polo Storico Lamborghini. Il programma, che permetterà ai collezionisti di guidare le loro vetture per 650 chilometri su alcune delle strade più belle e scenografiche d’Italia, vede la città di Perugia essere il centro delle attività dei primi giorni. Da lì le vetture partiranno per la visita a Orvieto e al suo Duomo. E poi ai musei, tra cui quello del cioccolato, e alle più importanti aziende vitivinicole locali.

Via fino a Sant’Agata Bolognese

Domenica il raduno visiterà Assisi e si sposterà in Toscana, dove si fermerà per la notte nella zona del Chianti. Lunedì il convoglio attraverserà gli appennini, passerà per il Mugello. E percorrerà le mitiche strade del Passo della Futa e del Passo della Raticosa, per arrivare a Sant’Agata Bolognese, sede di Automobili Lamborghini. Qui i partecipanti potranno visitare la fabbrica delle supersportive moderne, il nuovo stabilimento del Super SUV Urus e la sede del Polo Storico.