Ex Necchi, Ciocca: area altamente inquinata. Rischi per popolazione e lavoratori.

Ex Necchi, Ciocca: area inquinata

“Nell’area Necchi a Pavia, azienda smantellata da oltre 20 anni, si trovano ancora, a cielo aperto, sostanze pericolose per la salute dei cittadini”.

Lo denuncia l’eurodeputato della Lega Nord Angelo Ciocca che sul tema ha presentato una interrogazione alla Commissione Europea.

Le rilevazioni Arpa

“Le rilevazioni effettuate dell’Arpa – spiega il deputato – dimostrano inoltre che in quell’area il sottosuolo risulta altamente inquinato da alifatici clorurati cancerogeni mentre non sono state effettuate rilevazioni per quanto riguarda le fibre di amianto”.

“In questi anni – prosegue – nulla è stato fatto per mettere in sicurezza il sito esponendo i cittadini che abitano nella zona e i lavoratori (nel 1999 la Questura e la Polizia Stradale di Pavia si sono trasferiti nella sede attuale parte del complesso dell’ex area Necchi) al rischio di inalazione di fibre d’amianto e di sostanze cancerogene provenienti dal sottosuolo”.

Mettere in sicurezza l’area

“Dal momento in cui l’unione Europea può adottare delle direttive in materia di sicurezza e salute soprattutto sul luogo di lavoro e vista l’inerzia del Comune di Pavia – conclude Ciocca – ho chiesto alla Commissione di intervenire per mettere in sicurezza l’area che allo stato attuale rappresenta un rischio per la salute dei cittadini pavesi”.

Leggi anche:  Nuova rotatoria: "Appropriazione indebita", la denuncia di "Voi con noi per Dorno"

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE