Referendum Corso Cavour: nasce un comitato che sostiene le ragioni del no.

Referendum Corso Cavour

In vista della consultazione referendaria che si terrà a Pavia sul quesito “Volete voi che sia riaperto Corso Cavour al passaggio dei mezzi di trasporto pubblico urbano?” un gruppo di cittadini ha deciso di costituire un comitato per sostenere le ragioni del NOLa costituzione ufficiale si terrà mercoledì 9 maggio 2018 alle 11,30 presso il Caffè Delizia di Corso Cavour n. 17, Pavia. I promotori del comitato per il NO: Cristina Niutta, Massimo Dagrada, Daniele Dechiara.

Corso Cavour

Il sindaco di Pavia, Massimo Depaoli, ha convocato i comizi per lo svolgimento del Referendum Consultivo Cittadino per il giorno di domenica 10 Giugno 2018, rivolto alla popolazione iscritta nelle liste elettorali del Comune di Pavia. Gli elettori si dovranno esprimere il merito al seguente quesito: “Volete voi che sia riaperto Corso Cavour al passaggio dei mezzi di trasporto pubblico urbano?”

Apertura seggi

Le operazioni preliminari degli uffici di sezione inizieranno alle ore 7.00 di domenica 10 Giugno 2018. Le operazioni di voto avranno invece inizio alle ore 9.00 di domenica 10 Giugno e termineranno alle ore 22.00 dello stesso giorno. Gli elettori che a tale ora si troveranno ancora nei locali del seggio saranno ammessi a votare.

Leggi anche:  Ciocca, protesta al Parlamento Ue: “L’Europa spalleggia gli islamisti, svegliatevi” VIDEO

Cosa dice la legge

Art. 59 dello Statuto del Comune di Pavia. Svolgimento del referendum consultivo:
“Se la maggioranza assoluta dei votanti esprime validamente il voto consultivo, il Sindaco entro 30 giorni dalla data di svolgimento del referendum convoca il Consiglio Comunale in apposita seduta per discutere l’esito della votazione. Se alla votazione ha partecipato almeno il cinquanta per cento degli elettori del Comune e se la maggioranza assoluta dei votanti ha espresso validamente il voto consultivo, il Sindaco presenta al Consiglio un motivato atto di adesione all’esito del referendum medesimo. Tale atto deve essere votato dal Consiglio entro i termini indicati nel comma“.