Campioni del Mondo!! L’Italia sul gradino più alto ai mondiali di Dragonboat.

Campioni del Mondo ai mondiali di Dragonboat

No non siamo tornati indietro a Spagna ’82 nè alla Finale di Berlino ’06, ma siamo nella Club House della Canottieri Ticino dove un gruppo di amici si è ritrovato per seguire le gare dei propri compagni di squadra che sono dall’altra parte del mondo (più precisamente in Thailandia a Pattaya) per i mondiali di Dragonboat.

E giovedì mattina sono quasi le 7 (12 in Thailandia per il fuso) ci saranno le gare sui 2000mt prima il misto da 10 posti (5 donne e 5 uomini), dove per la Canottieri ci saranno ben 4 atleti sula barca azzurra Claudia Zamariola, Alice Florio, Laura Bonissolli e Enrico Calvi nel duplice ruolo di pagaiatore e capitano. Poi più tardi ci sarà la gara regina: il 20 posti maschile, e anche su questa barca la Canottieri èe ben rappresentata con Federico Mezzadra, Roberto Barbieri e Enrico Calvi.

I 2000 mt è una gara non facile non si greggia in corsia ma a cronometro, si parte uno alla volta ogni 12″ e ogni 500mt si effettua un giro di boa, è una gara molto difficile da interpretare, non si ha scontro diretto con altri equipaggi. E’ facile che barche più veloci recuperino chi sta davanti, e diventa difficile sorpassare tra onde e scie. Molto importante è partire per primi ma ciò dipende dalla fortuna e dal ranking (fatto coi risultati del mondiale precedente a cui l’Italia non ha partecipato). Questa volta la fortuna è della nostra parte: il 10 parte per primo e il 20 per secondo dietro India (squadra di poco valore).

La Gara

Tredici le barche alla partenza. L’Italia è la prima a partire, subito dietro la Francia poi tutte le altre, fino alla Myanmar ultima a partire come Campione del Mondo uscente.
Partenza buona e i ragazzi hanno un buon passo, la barca scivola via bene ma sembra che la Francia piano piano rosicchia qualcosina ma si sapeva che i francesi erano forti. Primo giro di boa Fabiola (ragazza al timone) pennella il giro, ora Francesca dal tamburo chiama il rinforzo, la forza c’è e la barca risponde subito, 2 rettilineo si arriva al secondo giro. Fabiola sfiora tutte le boe (5 per ogni) disegnando questo giro quasi col compasso, altro rinforzo e la barca schizza subito. Arriva la Francia sembra un po’ accusare, dietro la Cina e il Canada sembrano volare ma hanno davanti l’Inghilterra che fa un po’ da tappo. Anche Thailandia va forte ha già superato India. Dietro però ci sono parecchie onde e la barca italiana sembra scivolare meglio.

Leggi anche:  L'areoporto di Rivazzano Terme ospiterà Dragster Hills Race #16 FOTO

Abbiamo passato la metà gara quando il Myanmar fa il secondo giro. I “nostri” sono quasi all’ultimo giro, non vengono inquadrati dalle telecamere. Ma quando l’inquadratura torna sulla barca Italiana e già al serrate finale. Il numero di colpi sale ma sono ancora tutti belli lungli, la barca corre veloce!

Tagliano il traguardo. Ora bisogna vedere gli altri, passano i secondi già più di 12 e i francesi non arrivano sono dietro gli Inglesi hanno raggiunto i Giapponesi ma anche loro sono distaccati. Ora arriva il gruppo Thailandia sembra andare bene ma bisogna aspettare i risultati!!

Ed eccoli i risultati:1° Italia 9’39″535; 2° Thailandia 9’44″585; 3° Canada 9’47″544; 4° Myanmar 9’49″385; 5° Francia 9’53″148 e poi tutte le altre!!

 

CAMPIONI DEL MONDO ora è vero!! Scesi dalla barca tanti abbracci e anche qualche lacrimuccia. Qualcuno non ci crede ancora ma è tutto vero!!

E’ solo la prima e fa ben sperare ma alla fine degli altri 4 giorni di gara questa resta la gara più bella. 6° posto col 20 uomini e 6° anche nelle gare in corsia (200mt 500mt)

Si sapeva che sfidare gli orientali non era facile ma i nostri ragazzi hanno venduto cara la pelle unico equipaggio europeo nelle finali Premier. E unica medaglia Europea! Bravi ragazzi continuate cosi sete sulla giusta strada!!!

I protagonisti

Bonisolli Laura
22 anni di Molina di Ledro, studentessa in Scienze Motorie a Pavia, avvicinata al Dragonboat  grazie alla sfida tra i collegi universitari alla sua prima esperienza internazionale.

Florio Alice
Anche lei 22 anni di Mantova, anche lei studentessa in scienze Motorie, amica di Laura e canoista di alto livello anche lei alla sua prima esperienza internazionale

Zamariola Claudia
39 anni Vigevanese Nazionale di canoa discesa da qualche anno avvicinatasi al mondo del Dragonboat. Già madaglia anno scorso al Europeo

Calvi Enrico
38 anni Pavese più volte nazionale di canoa Velocità e Maratona, da qualche anno punto di forza  della nazionale di Dragonboat, quest’anno anche Capitano. Già Campione del mondo anno scorso ad Atlanta sui 200mt.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE